Novità
Un momento...

Salone del libro: Manzoni escluso dai 150 scrittori più importanti d'Italia


Il Salone Internazionale del libro di Torino, nell'edizione imminente del 12 Maggio 2011, in omaggio alle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità, ha deciso di rendere pubblica una lista di 150 libri che maggiormente hanno influenzato la cultura, i costumi, la Storia d'Italia.
Vi invito a leggere quest'articolo in cui si parla di questa sorprendente lista e a scoprire che... D'Annunzio, Calvino, Ungaretti, Salgari, Foscolo  e... Manzoni non sono inclusi!!
Beh, forse la scelta di escludere Manzoni è legata  alla data di pubblicazione dei Promessi Sposi, antecedente al 1861, e dunque si rivela l'arbitrarietà e la superficialità di un criterio di scelta che non soddisfa.
Cari miei lettori, quanto riduttive e crudeli siano le liste ce lo insegna la Storia e il pensiero critico in generale, ma non si può seriamente considerare tale lista fedele al proposito che essa stessa si pone e cioè, di creare un insieme dei

 150 Grandi Libri che - anno dopo anno - dal 1861 al 2011 hanno scandito la storia d’Italia e hanno contribuito a plasmare il nostro costume, il gusto, il nostro pensiero. I libri che ci hanno resi un po’ più italiani.


6 Commenti:

  1. Se hanno escluso Manzoni per i Promessi Sposi, allora concordo. E' una noia infinita! Sarebbe stato più bello senza tutte quelle inutili digressioni.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Nexso a dire che è desueto, ma ti invito comunque a leggere i nomi degli scrittori inclusi nella lista: c'è davvero da ridire!

    RispondiElimina
  3. Infatti ho parlato per Manzoni, non per gli altri ;)

    RispondiElimina
  4. Manzoni invitava a lavare "i panni in Arno",ma anche rileggendo ,ad esempio, "I promessi sposi" si rende più "lindo" il proprio italiano,sia nello scrivere che nell'esprimersi.Lo consigliava il grande De sanctis.
    Quindi....?Riconosciamo a Manzoni il merito di aver contribuito all'unità d'Italia perfezionandone la lingua.Volucres

    RispondiElimina
  5. Nexso, non sono affatto inutili le digressioni che si trovano nei Promessi Sposi. Leggi "La dissimulazione romanzesca" di Ezio Raimondi e potrai constatare che le digressioni sono fondamentali tanto quanto il resto della narrazione e che quel libro è tutt'altro che noioso. Spero troverai utile questo consiglio.

    RispondiElimina

I vostri commenti arricchiscono questo blog.
Lasciatene uno!

Copyright © 2013 Bacheca eBook gratis All Right Reserved